defaultTutti i Consiglirss


Titolo Consiglio: Codice sconto -20 euro Hotelyo

Visualizza tutti i Consigli di admin
Hotelyo ha inaugurato il suo nuovo sito regalando a tutti gli iscritti alla newsletter un interessante codice sconto del valore di € 20.

Il codice da inserire al momento della prenotazione è Y19L5QZ0IQ3F ed è valido fino al 31 dicembre 2010.

fonte: vologratis.blogspot.com
SEGUI IL LINK PER VISUALIZZARE OFFERTA: www.hotelyo.it/

Titolo Consiglio: Lavorare da casa seriamente - homeshore

Visualizza tutti i Consigli di admin
youDial.it è la prima azienda web italiana che fornisce soluzioni operative di CRM - Customer Relationship Management, servizi telefonici inbound ed outbound .
Utilizza esclusivamente un network di professionisti che lavorano dalla propria abitazione.
Questo modello è conosciuto con il nome di “homeshore” ed è reso possibile anche grazie all’espansione ed al maggior utilizzo di internet e dei sistemi telefonici Voip (Voice over IP)

sito web youdial.it
SEGUI IL LINK PER VISUALIZZARE OFFERTA:

Titolo Consiglio: Codice sconto -2,5% su hotels.com

Visualizza tutti i Consigli di admin
Hotels.com, uno dei principali fornitori di soggiorni alberghieri nel mondo, offre servizi di prenotazione tramite la propria rete di siti localizzati ed i propri call-centers.
Hotels.com offre ai viaggiatori una scelta di soggiorni tra le più ampie del web: la selezione include sia alberghi indipendenti che appartenenti alle maggiori catene, nonché case-vacanze, per un totale di più di 80.000 strutture in tutto il mondo. Sul sito è possibile trovare in una volta sola informazioni su prezzi, servizi e disponibilità e la possibilità di trovare posto nei periodi di tutto esaurito, acquistando il soggiorni in un solo click.
SEGUI IL LINK PER VISUALIZZARE OFFERTA: www.buyon.it/uuh0l0liid/nebofof/going

Titolo Consiglio: Codice sconto -4% su Venere

Visualizza tutti i Consigli di admin
Regala ai tuoi amici uno sconto del 4% per la loro prima prenotazione alberghiera su Venere.com.

Codice sconto : D9ENEFY
SEGUI IL LINK PER VISUALIZZARE OFFERTA: www.venere.com/it/?ref=1292938

Titolo Consiglio: Codice sconto -5% FNAC

Visualizza tutti i Consigli di admin
Coupon: Questo esclusivo codice vantaggio FNAC garantisce uno sconto del 5% su tutti i prodotti non già scontati, ad esclusione di prodotti Apple, TV3D e Console. Si applica su tutti i prodotti ad esclusione di quelli non già scontati a listino, prodotti Apple, TV3D e Console.

codice sconto : COD-FNAC5-12
SEGUI IL LINK PER VISUALIZZARE OFFERTA: www.fnac.it/

Titolo Consiglio: Codice sconto -10€ su Pixmania

Visualizza tutti i Consigli di admin
Questo codice promozionale Pixmania garantisce uno sconto di 10€ su tutto il sito a partire da 200€ di acquisto.A partire da ordini di 200€ escluse garanzie aggiuntive e spese di spedizione.

codice sconto : 10ITPIX
SEGUI IL LINK PER VISUALIZZARE OFFERTA: www.pixmania.com

Titolo Consiglio: Codice Sconto Monclick - fino a 50 euro di sconto

Visualizza tutti i Consigli di admin
Come ottenere lo sconto

* Scegli cosa acquistare tra tutti i prodotti pubblicati
* Aggiungilo al carrello
* Inserisci nell'apposito spazio il codice promo riportato qui sotto
* Lo sconto verrà visualizzato nel tuo carrello


Codice promo: CODS-MNCK-0812
SEGUI IL LINK PER VISUALIZZARE OFFERTA: www.monclick.com

Titolo Consiglio: Codice Sconto IBS - Spedizione gratis su IBS

Visualizza tutti i Consigli di admin
Vasto catalogo di libri italiani ed in lingua, film in dvd e blu-ray, cd musicali, videogiochi, eBook e mp3. Approfitta subito delle offerte!

Titolo Consiglio: carpooling e autostop organizzato

Visualizza tutti i Consigli di admin
passaggio.it è il portale di carpooling che permette a chi cerca e a chi offre passaggi auto in Italia ed Europa di mettersi facilmente in contatto e viaggiare insieme.
SEGUI IL LINK PER VISUALIZZARE OFFERTA:

Titolo Consiglio: Consulenza gratuita mutui e prestiti

Visualizza tutti i Consigli di admin
CONSULENZA GRATUITA MUTUI E PRESTITI

Offriamo consulenza gratuita per

- mutui per acquisto casa

- mutui per ristrutturazione

- mutui per liquidità

- sostituzione o surroga del mutuo

- cessioni del quinto

- prestiti personali

Il servizio è svolto da promotori finanziari abilitati e da mediatori creditizi iscritti UIC.

Nessuna spesa di intermediazione o anticipo spese è richiesto.

Per ogni tipo di informazione o chiarimento potete inviare una mail a info@mutuoamico.com

oppure visita il sito www.mutuoamico.com
SEGUI IL LINK PER VISUALIZZARE OFFERTA: www.mutuoamico.com

Titolo Consiglio: Low cost, arriva il bollino "Qualità e basso prezzo"

Visualizza tutti i Consigli di admin
ROMA - Low cost significa qualità a basso prezzo, e non ha nulla a che vedere con un 'low price' ottenuto attraverso un peggioramento della qualità. E' la filosofia di Assolowcost, l'associazione nata per certificare e promuovere le aziende che offrono prodotti a basso prezzo ottenuti grazie a un'accorta politica di riduzione dei costi che salvaguardi però pienamente la qualità. "Nostro principale obiettivo - ha spiegato stamane a Roma il presidente di Assolocost, Andrea Cinosi, nel presentare l'iniziativa - è quello di creare regole per lo sviluppo di questo nuovo mercato nell'interesse dei consumatori".

L'associazione, la prima di questo tipo in Europa, si propone pertanto di certificare con una sorta di 'bollino di qualità' le aziende che offrono prodotti low cost. Soci fondatori di Assolowcost sono Ikea, Bravofly (broker online che opera sui voli aerei delle compagnie low cost), Dacia Logan (azienda della Renault che produce macchine a basso costo), Ing Direct (istituto bancario che ha lanciato il Conto Arancio) e infine due compagnie di assicurazione diretta, Genialloyd e Genertel. E presto l'associazione si aprirà anche alle compagnie aeree: "Non lo abbiamo fatto subito - spiega Cinosi - per evitare che Assolowcost si presentasse come un'associazione concentrata solo su viaggi e turismo".

Questo 'bollino di qualità' verrà attribuito alle aziende che rispettano una serie di parametri, tra i quali l'adozione di business model innovativi, la migliore gestione di processi produttivi, una più efficiente gestione della filiera produttiva e della catena della fornitura, l'utilizzo del canale e-business. E per la valutazione e l'applicazione dei criteri è stata chiesta la collaborazione delle associazioni dei consumatori, a ulteriore garanzia dell'utente finale: "Abbiamo aperto un tavolo di confronto con le associazioni dei consumatori - aggiunge Cinosi - per trovare regole condivise sulla qualità di prodotti e servizi low cost".

"Il low cost - spiega un portavoce di Ing Direct - è un concetto che sta riscuotendo sempre più interesse presso gli esperti dei modelli organizzativi aziendali, ma anche presso il largo pubblico, sempre più sensibile alla variabile economica e al rapporto qualità-prezzo. Il low cost non va confuso con il mero prezzo basso, ma va associato con quello di high value, ovvero reale valore aggiunto percepito dal cliente e derivante da un modello di business low cost".

'Certificare' il low cost significa anche, nell'intento dei promotori dell'iniziativa, favorirne lo sviluppo, nell'interesse dei consumatori sempre più stritolati dal caro-prezzi e da redditi insufficienti. Uno studio di Boston Consulting Group individua almeno tre categorie di consumatori fortemente interessate a uno sviluppo ulteriore del mercato low cost in Italia, categorie che sicuramente sperimentano sulla propria pelle un tasso d'inflazione ampiamente superiore alla media: innanzitutto gli anziani, in particolare gli ultrasettantacinquenni. In Italia sono tre milioni, ma sono in aumento e il 50 per cento fa fatica ad arrivare alla fine del mese. I quarantenni, specialmente se sposati con figli: una categoria perennemente alla ricerca del prodotto più conveniente, anche su Internet. E infine gli extracomunitari che si sono stabiliti in Italia, con figli: a loro si deve il 25 per cento della crescita dei consumi, ma si tratta di consumatori molto attenti ai prezzi, senza per questo trascurare la qualità.

"Si tratta di tre profili in grado di spostare in modo significativo i consumi - sottolinea Cinosi - ma in realtà il low cost interessa tutti. Le banche e le assicurazioni on line hanno un'utenza medio alta sia sotto il profilo culturale che sotto quello del reddito. E, nel settore del turismo, tutti apprezzano la possibilità di volare in Europa con 50 euro. Certo il target si abbassa nel settore alimentare, ma è trasversale anche nel settore abbigliamento, dove è facile incontrare donne con abiti Zara e borse Vuitton".

Oltre a certicare la qualità delle aziende low cost, Assolowcost effettuerà periodici monitoraggi con il contributo della Nielsen e presenterà ogni anno a gennaio un rapporto sul settore. Che è in crescita, ma ha già raggiunto dimensioni ragguardevoli: "Basti pensare che negli Usa rappresenta il 5% del Pil, mentre in Italia dovrebbe aggirarsi intorno ai 100 miliardi di euro l'anno, circa il 7% del Pil", secondo le rilevazioni di Assolowcost.
SEGUI IL LINK PER VISUALIZZARE OFFERTA: bitly.com/confrontaassicurazioni

Titolo Consiglio: Sostituzione infissi - detrazione 55% - L. 296/2006

Visualizza tutti i Consigli di admin
REQUISITI GENERALI CHE L’IMMOBILE OGGETTO D’INTERVENTO DEVE POSSEDERE
PER POTER USUFRUIRE DELLE DETRAZIONI:
• deve essere “esistente”, ossia accatastato o con richiesta di accatastamento in
corso e con ICI pagata, se dovuta;
• deve essere dotato di un impianto di riscaldamento (come definito nella nostra FAQ
n° 37);
• in caso di demolizione, è ammessa a detrazione la sola “fedele ricostruzione”. Se
viceversa questa comporta ampliamenti, si ritiene che possano essere ritenute
agevolabili unicamente le opere che riguardano le parti “esistenti”.
REQUISITI TECNICI SPECIFICI DELL’INTERVENTO:
• l’intervento deve configurarsi come sostituzione di elementi già esistenti (e non
come nuova installazione);
• deve delimitare un locale riscaldato verso l’esterno o verso vani non riscaldati;
• deve assicurare un valore di trasmittanza termica (Uw) inferiore a quello riportato in
tabella 2 del D.M. 26 gennaio 2010, pubblicato il 12 febbraio 2010.
ALTRE OPERE AGEVOLABILI:
assicurate le condizioni su esposte:
• scuri, persiane, avvolgibili, cassonetti (se solidali con l’infisso) e suoi elementi accessori,
purché tale sostituzione avvenga simultaneamente a quella degli infissi (o del solo vetro). In
questo caso, nella valutazione della trasmittanza, deve considerarsi anche l’apporto degli
elementi oscuranti, assicurandosi che il valore di trasmittanza complessivo non superi il
valore limite di cui sopra.
DOCUMENTAZIONE NECESSARIA:
a) documentazione da conservare a cura del cliente:
• l’asseverazione redatta da un tecnico abilitato (Ingegnere o Architetto iscritto all’Ordine
professionale oppure Geometra o Perito iscritto al Collegio professionale), nella quale
deve essere indicato il valore di trasmittanza dei nuovi infissi (ricavato dalla
documentazione tecnica in possesso del cliente o calcolato secondo le modalità
indicate nella nostra FAQ n°39) e asseverato che tale valore rispetta il valore di
trasmittanza limite riportato in tabella 2 del D.M. 26 gennaio 2010.
• in alternativa, la certificazione del produttore dell’infisso che attesti il rispetto dei
medesimi requisiti.
Inoltre:
un documento che attesti il valore di trasmittanza dei vecchi infissi , che può essere riportato:
• all’interno della certificazione del produttore (di cui abbiamo già parlato), in una zona a
campo libero;
• in un’autocertificazione del produttore;
• nell’asseverazione.
N.B. In base alle nuove disposizioni (D.M. 6 agosto 2009), l’asseverazione può essere:
• sostituita dalla dichiarazione resa dal direttore dei lavori sulla conformità al progetto
delle opere realizzate (obbligatoria ai sensi dell’Art.8, comma 2, del D.Lgs. n°192 del
2005);
• esplicitata nella relazione attestante la rispondenza alle prescrizioni per il contenimento
del consumo di energia degli edifici e relativi impianti termici (che ai sensi dell’Art.28,
comma 1, della L. n°10 del 1991 occorre depositare presso le amministrazioni
competenti).
Ed infine occorre conservare anche i seguenti documenti:
• fatture relative alle spese sostenute, che rechino chiaramente separata la voce
“manodopera” da quella delle opere;
• ricevuta del bonifico bancario o postale (modalità di pagamento obbligata nel caso di
richiedente persona fisica), che rechi chiaramente come causale il riferimento alla legge
finanziaria 2008, numero della fattura e relativa data, oltre ai dati del richiedente la
detrazione e del beneficiario del bonifico;
• ricevuta dell’invio effettuato all’ENEA (codice CPID), che costituisce garanzia che la
documentazione è stata trasmessa.
b) documentazione da trasmettere all’ENEA: (esclusivamente attraverso il sito:
http://finanziaria2010.enea.it per i lavori terminati nel 2010), entro i 90 giorni successivi alla fine
dei lavori, intendendo con questa definizione il collaudo delle opere (vedasi a tal proposito la
nostra FAQ n°23),
1) solo nel caso di interventi in singole unità immobiliari, ossia univocamente definite al
Catasto urbano, tale documentazione consiste in:
• Allegato F al “decreto edifici” che può anche essere redatto dal singolo utente;
2) in tutti i casi diversi da quelli di cui sopra (ad esempio, interventi che riguardano parti
condominiali), la documentazione è la seguente:
• Attestato di qualificazione energetica, redatto da un tecnico abilitato, con i dati di
cui all’Allegato A al “decreto edifici”. (L’Attestato di certificazione energetica, se
necessario, deve essere conservato a cura del cliente);
• Scheda descrittiva dell’intervento (Allegato E al “decreto edifici”), che può anche
essere redatto dal singolo utente;
c) documentazione da trasmettere all’Agenzia delle Entrate:
• Comunicazione, per i soli lavori che proseguono oltre il periodo di imposta.
NOTE UTILI ALLA TRASMISSIONE DELLA DOCUMENTAZIONE ALL’ENEA
Una volta collegati al sito di invio, le fasi propedeutiche alla trasmissione della richiesta consistono
in:
• registrazione dell’utente (da eseguirsi una sola volta, anche nel caso in cui si
trasmettano più richieste). In questa fase, occorre compilare il modulo di registrazione
con i propri dati e fornire indirizzo e-mail e password necessari alla fase successiva;
• autenticazione (inserendo indirizzo e-mail e password precedentemente forniti);
• identificazione dell’attività di riqualificazione energetica svolta, dalla quale
discendono in automatico gli allegati che è necessario compilare.
Gli originali dei documenti invece devono essere firmati (e eventualmente timbrati dal tecnico e
controfirmati dal richiedente), per i riscontri in sede fiscale.
NOTE UTILI ALLA COMPILAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE TECNICA
In entrambi i casi, sia che si possa compilare il solo Allegato F o che si debbano compilare gli
Allegati A ed E, i nuovi infissi possono essere inseriti uno alla volta, ciascuno con le proprie
dimensioni e la propria trasmittanza (cliccando su “nuovo intervento”, al termine del primo
inserimento, per poter inserirne di nuovi), o una sola volta (riportando quindi la somma delle loro
superfici), se questi hanno medesime dimensioni, medesime caratteristiche costruttive e
conseguentemente, medesima trasmittanza, o infine, inserendo gli infissi una sola volta, riportando
quindi la loro somma e il valore di trasmittanza dell’infisso che si trova nelle condizioni meno
favorevoli (e che quindi ha la trasmittanza più alta).
SEGUI IL LINK PER VISUALIZZARE OFFERTA:

Titolo Consiglio: Prodotti per l'ufficio scontati del 4%

Visualizza tutti i Consigli di admin
Euroffice fornisce una vasta gamma di prodotti per l'ufficio: prodotti per l'archiviazione dei documenti, cancelleria, carta per stampanti e fotocopiatrici, buste per corrispondenza, buste per spedizione, cartucce, toner, arredi completi nonché tantissimi mobili singoli e complementi d'arredamento. È disponibile inoltre un vasto assortimento di sedie direzionali, operative, ergonomiche e per visitatore.
SEGUI IL LINK PER VISUALIZZARE OFFERTA: www.buyon.it/uuh0l0liid/neuo/going

Titolo Consiglio: Sconto Mediaset Premium

Visualizza tutti i Consigli di admin
Mediaset Premium, è l'offerta pay tv di Mediaset.
Propone 3 pacchetti organizzati per genere: Gallery, Calcio e Fantasy.

Se sottoscrivi un'abbonamento per te 7,50 euro.

Titolo Consiglio: Incentivi per il risparmio energetico: firma la petizione

Visualizza tutti i Consigli di admin
Dopo lo stop del governo, torna in discussione la proroga della detrazione del 55% per le eco-ristrutturazioni. Firma la petizione di Altroconsumo perché l'incentivo venga mantenuto.

http://www.altroconsumo.it/asp/smartin quiry/smartinquiry.aspx?src=294063

Ci siamo mobilitati dopo lo stop dal Governo
Il Governo aveva bloccato la proroga della detrazione del 55% per i consumatori intenzionati a ristrutturare casa con un occhio al risparmio energetico. Ora il provvedimento riappare nel testo della Finanziaria in corso di approvazione. Evidentemente è servita anche la mobilitazione di chi, come noi, aveva contestato l'eliminazione degli incentivi. Ora il provvedimento è tornato all'ordine del giorno nella discussione del maxi-emendamento alla legge di Stabilità.

Il blocco sarebbe un danno per il Paese
Gli incentivi rappresentano un'importante occasione in termini di sostegno all'ambiente, all'occupazione e all'economia. A parlare sono i numeri. I contribuenti in 3 anni hanno speso quasi 8 miliardi di euro per riqualificare il patrimonio immobiliare italiano, il più inquinante d'Europa. Questi investimenti hanno fatto conseguire un risparmio energetico di 4.400 GWh totali, che equivalgono a quasi un milione di tonnellate di anidride carbonica non emessa.

La detrazione conviene anche al Governo
Il costo per lo Stato è elevato a causa della percentuale di detrazione che si rimborsa al cittadino, ma le imposte dirette e indirette incassate, superiori rispetto al normale trend annuale, solitamente più basso a causa dello sfruttamento del lavoro nero e della piaga dell'evasione fiscale che affligge il settore edilizio, hanno praticamente azzerato il costo sostenuto. Infine il sostegno all'occupazione, legato all'aumento degli interventi di riqualificazione, è stato ampiamente dimostrato dalle associazioni di categoria di settore.

A risentirne è anche la promozione di una cultura ambientale, parte della sensibilità che uno Stato dovrebbe dimostrare di avere nei confronti di temi cruciali come questi, per mantenere l'Italia al passo con il resto d'Europa. Ecco perché Altroconsumo ha avviato una raccolta di firme online per far sentire al governo la voce dei consumatori, che sarebbero i primi danneggiati dallo stop agli incentivi.
SEGUI IL LINK PER VISUALIZZARE OFFERTA:

Titolo Consiglio: LEGGE NAZIONALE 407/90- ASSUNZIONI DI DISOCCUPATI

Visualizza tutti i Consigli di admin
Con il messaggio del 30 maggio 2005, con il quale viene trasmesso nuovamente il precedente messaggio del 27 maggio 2005 che conteneva un errore di trascrizione, l’INPS impartisce alcune istruzioni in materia di assunzioni agevolate ai sensi della legge n. 407/90.

Si tratta della riduzione contributiva prevista per i datori di lavoro che assumono con contratto di lavoro a tempo indeterminato lavoratori disoccupati da almeno 24 mesi o dallo stesso tempo sospesi in CIGS e beneficiari del trattameLEGGE NAZIONALE 407/90
“ASSUNZIONI DI DISOCCUPATI DI LUNGA DURATA
E CASSAINTEGRATI DA ALMENO 24 MESI”



CHI SONO I LAVORATORI BENEFICIARI?

Þ Disoccupati
Þ Lavoratori in Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria

con regolare iscrizione all’ufficio di collocamento da almeno 24 mesi.



QUALI SONO I DATORI DI LAVORO BENEFICIARI?

Tutti i datori di lavoro che assumono a tempo indeterminato, anche part-time, le categorie di soggetti della sezione precedente, che non abbiano operato licenziamenti o sospensioni nei 12 mesi precedenti l’assunzione.



QUALI SONO GLI INCENTIVI ALL’ASSUNZIONE?

Gli incentivi consistono in una riduzione o nell’esonero totale dei contributi a carico del datore di lavoro per i 36 mesi successivi all’assunzione, e in particolare:

Þ riduzione del 50% dei contributi previdenziali e assistenziali dovuti da imprese, consorzi di imprese, enti pubblici economici e liberi professionisti operanti sul territorio nazionale;

Þ esonero totale dall’obbligo del versamento dei contributi previdenziali e assistenziali nel caso di imprese artigiane e di imprese operanti nel Mezzogiorno.

Se sussistono i requisiti di legge, la concessione dell’agevolazione è certa.



QUALI SONO GLI ADEMPIMENTI PER IL DATORE DI LAVORO?

Þ Inviare all’ufficio di collocamento la comunicazione di assunzione (modello C/ASS), allegando il modello integrativo per la richiesta di fruizione dell’agevolazione (modello C/ASS/AG). Successivamente l’ufficio di collocamento provvederà ad effettuare le opportune comunicazioni all’INPS, ente gestore delle agevolazioni.

Þ Inviare all’INPS la comunicazione di richiesta dell’agevolazione, allegando ogni documentazione utile ad attestare la sussistenza dei requisiti richiesti per beneficiare degli sgravi contributivi.

Þ Portare in detrazione lo sgravio nella prima denuncia contributiva con il modello DM 10/2, modulo che il datore di lavoro deve presentare, obbligatoriamente via internet, per denunciare le somme a debito (es. contributi) e a credito (es. riduzioni contributive) verso l’INPS.

Il versamento di quanto dovuto all’INPS deve essere effettuato entro il giorno 16 del mese successivo a quello in cui è scaduto il periodo di paga, tramite il modello F24, presso gli sportelli delle banche convenzionate, dei concessionari o degli uffici postali.



L’AGEVOLAZIONE E’ CUMULABILE?

L’agevolazione contributiva prevista dalla legge in esame è cumulabile con gli sgravi della L.R. 36/98 e della L. 68/99, ma non con altri incentivi alle assunzioni.



DOVE REPERIRE ULTERIORI INFORMAZIONI?

Þ Call Center INPS INFORMA 16464: in funzione 24 ore su 24, fornisce notizie e servizi di carattere previdenziale e costa 0,16 €, iva compresa, ad informazione raggiunta.
Sito Internet: www.inps.it
SEGUI IL LINK PER VISUALIZZARE OFFERTA:

Titolo Consiglio: Disabili e lavoro. La legge 68/99 in dettaglio

Visualizza tutti i Consigli di admin
DISABILI, LA LEGGE E GLI AVENTI DIRITTO
Sono tre i requisiti richiesti per usufruire della legge sul diritto al lavoro dei disabili:

Anagrafici: età minima 15 anni, purché sia assolto l'obbligo scolastico, e mantenimento del diritto sino all'età pensionabile;

Soggettivi: persone in età lavorativa affette da una o più minorazioni fìsiche, psichiche, sensoriali e portatori di disabilità intellettiva, con un grado d'invalidità riconosciuta dagli Enti che seguono le varie cause invalidanti, superiore a una determinata soglia;

Stato sociale: essere disoccupati (eccezion fatta per la partecipazione a concorsi pubblici) (1)
SEGUI IL LINK PER VISUALIZZARE OFFERTA:

Titolo Consiglio: Legge Bersani 40/2007 : usare classe di merito di familiare

Visualizza tutti i Consigli di admin
Grazie alla Legge Bersani, se desideri acquistare un’auto (nuova o usata) puoi stipulare la polizza beneficiando della classe di merito più bassa maturata da un altro veicolo assicurato che sia di tua proprietà o di un tuo familiare convivente.

Ad esempio, il figlio neopatentato, anziché partire dalla classe di ingresso 14, può assicurare la propria nuova auto usufruendo della classe bonus/malus del padre, anch’egli proprietario di un’auto regolarmente assicurata. La stessa cosa può fare la moglie che acquista un’auto per sé e adotta la classe bonus malus del marito.

Queste le condizioni per usufruire della Bersani (legge 40/2007):

* la polizza del veicolo del quale si vuole ottenere la classe di merito deve essere attiva
* il proprietario del nuovo veicolo da assicurare e di quello già assicurato devono coincidere, oppure il veicolo di cui si vuole adottare la classe deve essere intestato a un parente convivente (padre, madre, fratello etc., risultanti dallo stato di famiglia)
* il nuovo veicolo da assicurare e quello già assicurato devono entrambi essere intestati ad una persona fisica
* il nuovo veicolo da assicurare e quello già assicurato devono appartenere alla stessa tipologia (entrambi auto o entrambi moto, non un’auto e una moto)
* il nuovo veicolo da assicurare può essere usato o nuovo, in ogni caso di nuova proprietà
* il nuovo veicolo deve essere assicurato per la prima volta da chi intende usufruire della Legge Bersani

In fase di preventivazione, sarà sufficiente selezionare “Prima assicurazione per un’auto nuova con Decreto Bersani” oppure “Prima assicurazione per un’auto usata con Decreto Bersani” e compilare i campi successivi con i dati riferiti alla polizza di cui vuoi ottenere la classe.

Per completare la procedura, sarà infine necessario inviare, oltre alla normale documentazione, anche il duplicato dell'attestato di rischio di cui si adotta la classe (il proprio o del familiare convivente) e lo stato di famiglia.
SEGUI IL LINK PER VISUALIZZARE OFFERTA: bitly.com/confrontaassicurazioni

Titolo Consiglio: Legge Bersani

Visualizza tutti i Consigli di admin
Il decreto Bersani (Dl 223/2006, definitivamente convertito con la Legge n. 248 del 4 agosto 2006), noto anche come "decreto sulle liberalizzazioni", è un decreto legge proposto dal ministro dello Sviluppo economico Pier Luigi Bersani emanato il 4 luglio 2006.

Le misure contenute nel decreto si proponevano di rendere più dinamico il mercato, tutelare i consumatori (abbattendo i privilegi di alcune categorie sociali e aumentando la concorrenza in quei settori) e, in secondo luogo, di agevolare la lotta all'evasione fiscale (attraverso alcune procedure obbligatorie nei pagamenti).

Un altro pacchetto di liberalizzazioni fu promosso, sempre dal ministro dello Sviluppo economico Pier Luigi Bersani, con il decreto legge n. 7 del 31 gennaio 2007, convertito in Legge n. 40 del 2 aprile 2007, con l'intento di tutelare i consumatori, promuovere la concorrenza, snellire le pratiche burocratiche.

Tra i provvedimenti si annoverano l'abolizione dei costi di ricarica per la telefonia mobile, la libera installazione di impianti per la distribuzione di carburanti, la liberalizzazione delle edicole.
SEGUI IL LINK PER VISUALIZZARE OFFERTA:

Titolo Consiglio: Risparmio: anche la sanità diventa low cost

Visualizza tutti i Consigli di admin
Secondo l’ADICO, l’Associazione a difesa dei consumatori, l’anno scorso in Italia oltre un milione di persone si è impoverito a causa delle spese sanitarie e tre milioni d'italiani, per curarsi, hanno investito cifre proibitive rispetto al reddito, mentre oltre cinque milioni hanno ammesso di aver avuto difficoltà ad accedere alle cure di cui avevano bisogno.

I più colpiti sono le persone anziane e i pensionati, ma aumentano anche le famiglie con bambini che sono sempre più costrette a rinunciare alle cure odontoiatriche o a delle visite di controllo, mentre i genitori, se non vogliono rinunciare all’apparecchio per i denti per il proprio bambino, si sacrificano e rinunciano loro stessi alla cure della propria bocca.

“Una famiglia media di quattro persone spende in cure sanitarie circa 108 euro al mese, di cui 37 solo in farmaci, ecco perché – spiega il presidente dell’ADICO, Carlo Garofolini – nella sanità, come per gli aerei, comincia a svilupparsi un settore low cost”.


Sanità low cost

Ormai da un po’ di tempo si sente spesso parlare di sanità all’estero, specie nei Paese dell’Est dove le cure costano decisamente meno rispetto l’Italia, addirittura quasi un 30% in meno e il trattamento è lo stesso di quello che si riceve nel nostro Paese. Sono soprattutto le cliniche odontoiatriche o di chirurgia plastica le più diffuse, tanto che sono sempre di più le compagnie di viaggio che organizzano dei veri e propri pellegrinaggi verso la Romania, la Polonia ed i Paesi limitrofi per risparmiare sulle cure mediche.

Sull’esempio estero e come difesa per far fronte alla fuga di potenziali clienti verso Paesi che garantiscono cure a spese più basse, il business dai costi ridotti sta sempre più prendendo piede anche nel nostro Paese e numerose strutture italiane si sono regolarmente iscritte ad Assolowcost, l’associazione che riunisce aziende e strutture di servizi che si impegnano ad abbassare i costi mantenendo alta la qualità grazie ad un rigido codice etico.


Il risparmio

Per adesso, le cliniche low cost che aderiscono all’associazione Assolowcost sono diffuse nel Nord Italia ed operano in due settori: odontoiatria e cure psicologiche-psicoterapiche.
Secondo l'associazione, le strutture low cost (cliniche o studi medici associati) garantiscono un risparmio sulle cure private fra il 10 e il 40% con picchi nelle strutture odontoiatriche dove, ad esempio, l’apparecchio per i denti dei bambini costa 490 euro contro i 2.200 di una struttura normale ed un’estrazione costa 45 euro (contro i 160 richiesti in una struttura tradizionale). Per quanto riguarda la psicoterapia, una seduta costa 35 euro contro i 60-120 richiesti nel settore privato.
SEGUI IL LINK PER VISUALIZZARE OFFERTA: