defaultMetano per riscaldamentorss


Titolo Consiglio: Bollette: da gennaio aumenta il gas

Visualizza tutti i Consigli di admin
Con l’inizio dell’anno nuovo arrivano anche le prime spese e ad aumentare sarà la bolletta del gas che crescerà del 1,3%, mentre caleranno i prezzi dell’energia elettrica (-0,2%).

L’aumento

Ad incidere sui costi delle bollette sono soprattutto le quotazioni petrolifere +32,4% negli ultimi 12 mesi).
Perché aumenta la bolletta del gas? “Per la bolletta elettrica, la benefica pressione della concorrenza sui prezzi all’ingrosso riesce ancora a contrastare gli aumenti dei prezzi petroliferi e degli oneri per il sostegno delle fonti rinnovabili. – ha sottolineato il Presidente dell’Autorità Alessandro Ortis – Per il gas invece, continuano a pesare problemi che da tempo evidenziamo: la scarsa concorrenza ed i ritardi nello sviluppo infrastrutturale (rigassificatori e stoccaggi, ad esempio) che non permettono ancora, a famiglie ed imprese, di beneficiare adeguatamente della pur abbondante offerta gas internazionale spot, a prezzi convenient”.

Quanto spenderanno gli italiani

Per quanto riguarda l’elettricità, i prezzi ritornano ai livelli inferiori a quelli di fine 2006 e la spesa media annua 2011 della famiglia tipo sarà di 420 euro, in calo dell’1,6% (7 euro in meno) rispetto alla spesa media del 2010.
Per il gas invece la spesa tipo di una famiglia sarà circa di 1.050 euro nel 2011, rispetto ai 1.013 euro del 2010 e 1.014 euro del 2009.

Aiuti

Ma ci sono anche aiuti per coloro che sono in maggiore difficoltà: a favore delle famiglie a basso reddito infatti ci sono i bonus elettricità e i bonus gas.
Il bonus elettrico (riduzione media del 20% sulla bolletta, al netto delle imposte) ed il bonus gas (riduzione media del 15%) sono cumulabili e permettono di ottenere una riduzione complessiva annua delle bollette (gas ed elettricità) tra 85 e 388 euro (l’esatto valore è determinato dalla numerosità del nucleo famigliare, dal dove e dal come viene consumato il gas).
Per poter beneficiare dei bonus, le famiglie che ne fanno richiesta devono però rispondere a dei requisiti: ISEE inferiore a € 7.500 o avare oltre tre figli a carico ed ISEE inferiore a € 20.000. il bonus può anche essere richiesto da ammalati che utilizzano apparecchiature elettromedicali salvavita.
Le famiglie in condizioni di particolare disagio economico o numerose hanno già ottenuto più di 1 milione e 900.000 bonus elettrici e 545.000 bonus gas. Lo rende noto l’Autorità per l’energia elettrica e il gas, precisando che i dati sono comprensivi dei primi 450.000 rinnovi annuali di bonus luce.
SEGUI IL LINK PER VISUALIZZARE OFFERTA:

Titolo Consiglio: Sfiatare i caloriferi all'inizio della stagione fredda

Visualizza tutti i Consigli di admin
L'aria depositata all'interno dei radiatori impedisci la circolazione dell'acqua calda, mantenendo parzialmente freddi i termosifoni anche con la caldaia accesa. E' un'operazione molto semplice. Far sfiatare l'aria fin quando dal radiatore fuoriesce acqua. Un bicchiere e uno straccio per terra eviteranno di sporcare la casa. Ripetere per due o tre volte l'operazione su tutti i termosifoni durante la prima settimana di accensione del riscaldamento. Il consiglio vale sia per gli impianti di riscaldamento autonomi sia per quelli centralizzati.
SEGUI IL LINK PER VISUALIZZARE OFFERTA:
Contatto:





Titolo Consiglio: Abbassare le tapparelle delle finestre appena fa buio

Abbassare le tapparelle delle finestre appena fa buio per impedire la dispersione del calore interno attraverso i vetri delle finestre.
SEGUI IL LINK PER VISUALIZZARE OFFERTA:
Contatto:





Titolo Consiglio: Risparmiare in bolletta grazie al bonus

Visualizza tutti i Consigli di admin
E’ in arrivo il bonus gas, una nuova misura sociale a tutela delle fasce più deboli: il bonus infatti permetterà di ottenere in bolletta una riduzione del 15% del totale da pagare.

Il Bonus Sociale è un’agevolazione introdotta dal Decreto 28/12/2007 per sostenere la spesa elettrica delle famiglie in condizione di disagio economico e delle famiglie presso le quali vive un soggetto in gravi condizioni di salute e va ad aggiungersi al bonus elettrico introdotto lo scorso febbraio sempre in aiuto alle famiglie in difficoltà.

Lo sconto del bonus

Il bonus prevede uno sconto annuo del 15% circa (al netto da imposte) sulla bolletta del gas naturale a seconda della numerosità della famiglia e del tipo di consumo, con riduzioni che possono arrivare fino a 160 euro per le famiglie fino a quattro componenti, mentre le famiglie numerose, con più di tre figli, potranno ottenere una riduzione fino a 230 euro. Il bonus ha valore retroattivo a tutto il 2009, per le domande presentate entro il 30 aprile 2010: significa che anche per la spesa sostenuta nell’inverso passato si potranno avere degli sconti.

Secondo il presidente dell’Autorità per l’energia, Alessandro Ortis “Il bonus gas andrà a incidere sulla parte prevalente della spesa complessiva delle famiglie per elettricità e gas: la bolletta gas rappresenta infatti quasi il 70% della spesa energetica totale di una famiglia tipo”.

Come funziona il bonus

Il bonus del gas può essere richiesto per il gas metano distribuito a rete (non per il gas in bombola o per il GPL), per i consumi nell’abitazione di residenza. Per richiedere in bonus, occorre essere titolari di un contratto diretto di fornitura del gas e di un indicatore ISEE (l’Indicatore di Situazione Economica Equivalente, che non coincide con il reddito personale), non superiore a 7.500 euro; nel caso di famiglia numerosa, con più di tre figli a carico, l’ISEE non dovrà essere superiore a 20.000 euro. Il bonus può essere richiesto anche da coloro che utilizzano impianti di riscaldamento condominiali.

Il valore del bonus non è ungule in tutta Italia ma è differente

*
per tipologia di utilizzo del gas (solo cottura e acqua calda; solo riscaldamento; oppure cottura, acqua calda e riscaldamento insieme);
*
per numero di persone residenti nella stessa abitazione;
*
per zona climatica di residenza, tenendo conto delle specifiche esigenze di riscaldamento delle diverse località.

I Comuni italiani sono infatti suddivisi in sei aree climatiche a seconda delle temperature medie. Così una famiglia di tre componenti che ha diritto al bonus ed usa il gas per cottura cibi più acqua calda e riscaldamento, otterrà un bonus di 160 euro se si trova, ad esempio, a Belluno, di 125 euro a Torino, Milano, Bologna e l'Aquila, di 100 euro a Firenze e Roma, di 75 a Napoli e Bari e di 60 euro se vive a Palermo.

Per godere del bonus bisogna presentare le domande entro il 30 aprile 2010 ed è valido per 12 mesi. Per richiedere il bonus è prevista un’apposita modulistica, da consegnare al proprio Comune di residenza o presso altro istituto eventualmente designato dallo stesso Comune (ad esempio i centri di assistenza fiscale CAF). La modulistica è disponibile anche sui siti www.autorita.energia.it, www.sviluppoeconomico.gov.it, www.bonusenergia.anci.it.
SEGUI IL LINK PER VISUALIZZARE OFFERTA:
Contatto:





Titolo Consiglio: Termoregolazione e contabilizzazione del calore

Visualizza tutti i Consigli di admin
I vantaggi del sistema di termoregolazione e contabilizzazione del calore sono:
Risparmio energetico.
Risparmio economico.
Autonomia di gestione (possibilità di regolare la temperatura in ogni ambiente, gestire l’orario di accensione dell’impianto di riscaldamento).
Detrazione fiscale.
Aliquota IVA agevolata.
Come risparmiare energia e denaro utilizzando l’impianto centralizzato autonomamente.
Tutto ciò avviene in quanto i condomini, usufruiscono dell’impianto di riscaldamento centralizzato dell’edificio e questo è sicuramente un vantaggio economico perché tutti dividono le spese di manutenzione ed i benefici di un unico impianto, prelevandone il calore quando ne hanno necessità e pagandone il proprio consumo.
Inoltre la possibilità d’indipendenza data dall’impianto di contabilizzazione di calore, permette un’oculata gestione del proprio appartamento, tenendo presente che le valvole termostatiche installate, risentono anche di apporti termici diversi da quelli del riscaldamento (esposizione al sole del locale, cucine e forni, altre fonti esterne), tutto ciò farà diminuire il consumo di combustibile e quindi anche la spesa, e le relative immissioni di gas nocivi in ambiente.
Esperienze fatte su molti Condomini, hanno dato come risultato un risparmio generale a livello di combustibile, di una percentuale variante da un minimo del 18% ad un massimo del 40%.
SEGUI IL LINK PER VISUALIZZARE OFFERTA:
Contatto:





Titolo Consiglio: Attenti agli scaffali

Visualizza tutti i Consigli di admin
Non fermarsi ad acquistare prodotti posizionati sugli scaffali centrali: per ragioni di marketing spesso i prodotti più convenienti per i consumatori sono sistemati in basso, nelle zone più scomode da raggiungere
SEGUI IL LINK PER VISUALIZZARE OFFERTA:
Contatto:





Titolo Consiglio: Isolare il cassonetto degli avvolgibili

Visualizza tutti i Consigli di admin
In molti casi è possibile con una piccola spesa isolare il cassonetto dell’avvolgibile, in modo da limitare gli spifferi in casa ed evitare un inutile spreco di energia. Con questo intervento puoi risparmiare il 5% sulla spesa per riscaldamento, quindi oltre 40 euro all’anno.(Fonte ENI)
SEGUI IL LINK PER VISUALIZZARE OFFERTA:
Contatto:





Titolo Consiglio: Scegliere una caldaia più efficiente

Visualizza tutti i Consigli di admin
Se devi sostituire la tua caldaia a gas, valuta l’installazione di una caldaia a condensazione, tecnologicamente più avanzata. In questo modo puoi risparmiare il 15% di energia, oltre 130 euro all’anno, e beneficiare di notevoli agevolazioni fiscali che riducono a pochi anni il recupero della maggiore spesa (Fonte ENI)
SEGUI IL LINK PER VISUALIZZARE OFFERTA:
Contatto:





Titolo Consiglio: Installare valvole termostatiche sui termosifoni

Visualizza tutti i Consigli di admin
Se hai un impianto di riscaldamento autonomo o un impianto centralizzato con contatore di calore, l’installazione di valvole termostatiche sui radiatori ti consente di regolare in ogni stanza la temperatura ideale, risparmiando circa il 10% delle tue spese di riscaldamento. Il risparmio di circa 90 euro all’anno ti consentirà di recuperare in pochi anni la spesa iniziale.(Fonte ENI)
SEGUI IL LINK PER VISUALIZZARE OFFERTA:
Contatto: