defaultSoggiornorss


Titolo Consiglio: Diventa tester TRIVAGO e ottieni il rimborso del soggiorno

Visualizza tutti i Consigli di admin
Testa un hotel, aiuta altri viaggiatori e risparmia soldi

trivago offre la possibilità ai viaggiatori di essere hotel tester e risparmiare sulla prenotazione. Per fare ciò, i viaggiatori si registrano su trivago come tester per un hotel specifico. Attraverso le informazioni offerte sulla piattaforma online e un questionario dettagliato, il tester verifica la qualità dei servizi offerti dall’hotel.

Ogni tester compilerà un questionario con più di 400 domande relative a diverse aree e servizi alberghieri usufruiti, prima e dopo il soggiorno in hotel. Una volta che il questionario sará compilato in maniera soddisfacente, il tester riceverà un rimborso che può arrivare fino a 80€. È possibile testare hotel in un totale di 10 città tedesche e altre 10 metropoli europee.

Maggiori informazioni su

Titolo Consiglio: Vacanze Low Cost con HomeAway.it

Visualizza tutti i Consigli di
Se cerchi una vacanza low cost senza compromessi sul comfort con HomeAway puoi affittare case, appartamenti, ville e persino case galleggianti in oltre 140 paesi, da privati, a prezzi veramente economici.
SEGUI IL LINK PER VISUALIZZARE OFFERTA:
Contatto:





Titolo Consiglio: Dal 1 gennaio 2011c'è la tassa di soggiorno a Roma

Visualizza tutti i Consigli di admin
Dal 1 gennaio 2011 è in vigore la tassa di soggiorno della città di Roma

La tassa è applicabile sulle prime 10 notti ed è calcolata per persona, per notte e non si applica ai bambini minori di 10 anni.
L’importo della tassa è calcolato a seconda della tipologia della struttura:

Struttura Tassa
• hotels 4/5 stelle 3 € a persona per notte
• hotels 1/2/3 stelle 2 € a persona per notte
• altre tipologie (es. B&Bs, appartamenti) 2 € a persona per notte
• Ostelli 0 € a persona per notte

Importante: la tassa non è inclusa nel prezzo totale del soggiorno e va pagata direttamente in hotel.
SEGUI IL LINK PER VISUALIZZARE OFFERTA:

Titolo Consiglio: Risarcimento vacanze: come fare?

Visualizza tutti i Consigli di admin
Tra i diritti del turista ci sono alcune regole d'oro da tener presenti per facilitare l'ottenimento di un risarcimento:

1. Conservate tutti i documenti che avete sottoscritto per le vacanze, quelli di viaggio e qualunque altra cosa rilasciatovi dall'operatore turistico chiunque esso sia.

2. In caso di problemi scattate fotografie dei luoghi, fate constatare al personale addetto e ad altre persone quello che non funziona , conservate scontrini e ricevute delle spese fatte per rimediare la situazione.

3. Se riscontrate che le vostre aspettative sono state deluse allertatevi subito, contattate subito il personale dell'albergo e, in caso di viaggio organizzato, le guide o i referenti locali del tour operator per segnalare e magari risolvere subito il problema.

4. Se la vostra vacanza e' stata rovinata non appena tornati a casa e comunque entro 10 giorni dal rientro inviate una lettera raccomandata a/r al tour operator e all'agenzia di viaggi , con un'indicazione precisa e dettagliata dei disservizi subiti e una richiesta di risarcimento danni.

5. Allegate le fotocopie (gli originali conservateli per voi, potrebbero essre smarriti ...) delle fotografie scattate e degli scontrini relativi alle spese che avete dovuto sostenere. Tutta la vostra documentazione originale dovra' essere esibita solo nel caso in cui si arrivi realmente a una causa.

6. Chiedete il risarcimento delle spese sostenute, ma fate riferimento anche al danno da stress psico-fisico che avete subito , e del cosiddetto danno "da vacanza rovinata".

7. In caso la controparte sottovaluti l'accaduto o minimizza , non esitate a citarla in giudizio dinnanzi al giudice di pace, che è competente per le cause di un valore non superiore a 2.582,28 euro.
SEGUI IL LINK PER VISUALIZZARE OFFERTA:
Contatto:





Titolo Consiglio: House sharing - Vacanze a basso costo

Visualizza tutti i Consigli di admin
L'estate è alle porte. Nonostante le difficoltà economiche dell'ultimo anno, che hanno costretto molti a stringere i cordoni della borsa, è il momento di pianificare le vacanze. Come riuscire a conciliare la necessità di risparmiare con la voglia di svago, offrendosi la possibilità di almeno due settimane lontani da casa e dalla solita routine? La carta vincente al gioco delle vacanze a basso costo potrebbe essere l'house sharing (scambio casa).

Vacanze italiane

Secondo le previsioni degli esperti, nell'estate 2010 gli italiani non resisteranno alla "voglia di vacanza". In base ai dati dell'Osservatorio Europacar, durante i mesi estivi, saranno quasi 29 milioni gli italiani (il 7% più dell'anno scorso) che prepareranno le valigie per trascorrere un periodo di svago. La meta preferita, come da tradizione italica, è il mare: destinazione vacanziera per 3 famiglie su 4. Per evitare gli alberghi affollati e i prezzi folli delle strutture ricettive, lo scambio casa (l'house sharing) può essere la soluzione ideale.

Cos'è l'house sharing?

Nato negli anni Cinquanta (quando nelle lunghe vacanze estive, i professori si scambiavano le case l'un con l'altro), l'house sharing è esploso nei passati anni Novanta grazie alla rete internet, che ha reso assai più semplice per i proprietari di casa raggiungere accordi sullo scambio da operare. Negli ultimi anni, poi, il fenomeno dello scambio casa è definitivamente salito alla ribalta grazie alla creazione di siti (come l'italiano Homelink.it) che hanno saputo costruirsi attorno una vera e propria community di utenti affezionati e proporsi come piattaforme per mettere in contatto le persone.

I passi da compiere e le modalità dello scambio

Per fare le proprie vacanze in house sharing non è necessario affrontare il calvario di un'eccessiva burocrazia. Basta mettere a disposizione la propria abitazione di una famiglia (o di una persona) che vi offrirà la sua, contemporaneamente o in periodi diversi. Ovviamente, secondo il sito che si utilizza per trovare e pubblicare inserzioni, le modalità di iscrizione alla community variano, prevedendo il pagamento di quote annuali abbastanza contenute. Generalmente, la durata e il periodo dello scambio casa non hanno limitazioni, venendo stabilite direttamente dall'accordo raggiunto dagli "house sharer". Non avendo regole da seguire (tranne quelle della correttezza e del buon comportamento), le reti di house sharing solitamente non offrono alcuna garanzia (anche perché sarebbe impossibile controllare un sistema che cresce al ritmo del 20%). Tuttavia, le brutte sorprese non sono troppo frequenti: il rispetto per la casa altrui è un comportamento naturale per chi, a sua volta, offre la propria abitazione ad altri.
SEGUI IL LINK PER VISUALIZZARE OFFERTA:
Contatto:





Titolo Consiglio: Prenota ostello a 0,20 centesimi

Visualizza tutti i Consigli di admin
HostelBookers.com compie 6 anni e per festeggiare il suo compleanno offre 500 posti letto in 10 dei migliori ostelli del suo catalogo a solo 0,20€ a notte!

Come approfittare di questa fantastica offerta:

Tra il 26 e il 30 Aprile 2010 a partire dalle ora 13:00 verranno messi in vendita 10 posti letto in dormitorio in ciascuno dei 10 ostelli che hanno aderito alla promozione. I posti letto saranno venduti in base al vecchio e saggio principio del “chi prima arriva meglio alloggia”. Quindi il di
HostelBookers.com compie 6 anni e per festeggiare il suo compleanno offre 500 posti letto in 10 dei migliori ostelli del suo catalogo a solo 0,20€ a notte!

Come approfittare di questa fantastica offerta:

Tra il 26 e il 30 Aprile 2010 a partire dalle ora 13:00 verranno messi in vendita 10 posti letto in dormitorio in ciascuno dei 10 ostelli che hanno aderito alla promozione. I posti letto saranno venduti in base al vecchio e saggio principio del “chi prima arriva meglio alloggia”. Quindi il dito piú veloce certamente avrá il suo posto letto!

Si possono prenotare un massimo di 2 posti letto (per una notte) in uno degli ostelli che partecipano alla promozione, le date del soggiorno devono essere incluse tra il 31 maggio e il 4 Giugno 2010.

Gli ostelli che hanno aderito alla promozione si trovano in queste cittá: Barcellona, Berlino, Cracovia, Dublino, Edinburgo, Firenze, Lisbona, Miami, New York, Praga.

Se avete progettato una vacanza in una di queste cittá é il momento migliore per prenotare!

Inoltre se prenoterete l’ostello tramite BeRuby guadagnerete una commissione pari all’1,66% sull’intero acquisto.

Forza…che aspettate!

http://it.beruby.com/promocode/u7SIHv
SEGUI IL LINK PER VISUALIZZARE OFFERTA:
Contatto:





Titolo Consiglio: Con i buoni vacanza si va in ferie

Visualizza tutti i Consigli di admin
Anche per coloro che non si possono permettere le vacanze arriva da parte dello Stato un aiuto che consente alle famiglie italiane a basso reddito di andare in ferie ad un costo ridotto. Si tratta di incentivi chiamati “Buoni vacanza” ovvero titoli di pagamento del valore da 5 o 20 euro, spendibili nelle aziende turistiche o di servizio convenzionate.

Come funziona

Il gestore dei buoni vacanza per il 2010 è l’associazione no profit Buoni Vacanza Italia (BVI) che ha siglato la convenzione con il Dipartimento del turismo il 3 luglio 2009.

* I buoni vacanza sono dei titoli di pagamento (simile a un “voucher”), da 5 e 20 euro, spendibili, anche separatamente e sono utili per pagare alberghi, ristoranti e altre strutture convenzionate, senza utilizzare il denaro contante.

Il loro utilizzo è vincolato ad alcune regole:

* non possono essere spesi nel comune di residenza e all’estero,
* non danno diritto a ricevere somme di denaro
* non possono essere utilizzati nel mese di luglio, nel mese di agosto e durante le festività natalizie. Sono però utilizzabili separatamente e sono uno strumento per il pagamento di alberghi, ristoranti e altre strutture convenzionate, senza utilizzare il denaro contante.

I beneficiari

I buoni vacanza sono assegnati alle categorie più deboli in proporzione al reddito e al numero dei componenti del nucleo familiare. L’agevolazione fiscale avviene attraverso un contributo percentuale (dal 20% al 45%, a seconda dalle fasce di reddito) sull'importo dei buoni richiesti, fino a un massimo legato al numero dei componenti il nucleo familiare. Il contributo potrà essere erogato una sola volta per nucleo familiare e fino all'esaurimento dei fondi disponibili. Ad esempio, una famiglia di 4 persone, con reddito inferiore ai 25mila euro (dichiarazione Irpef relativa all'anno 2008), può richiedere un libretto di buoni per un valore totale fino a 1.230 euro, pagandoli solo 676,50 euro (poco più della metà).

Come fare domanda

Dal 20 gennaio 2010 si può già fare domanda per ricevere il contributo e sarà valido fino al 30 giugno 2010.

Per richiedere i buoni vacanza bisogna seguire una procedura on line: è sufficiente compilare un modulo anagrafico e l’autodichiarazione sulle condizioni anagrafiche e reddituali, per il calcolo della percentuale di contributo pubblico e la richiesta dell’importo dei buoni. Completata la procedura on line, verrà rilasciato, in automatico, dal sistema, un codice di prenotazione, che dovrà essere presentato, entro 10 giorni, (pena la decadenza della prenotazione) a un'agenzia della banca Intesa-SanPaolo. Sarà, poi, l’istituto di credito a ordinare materialmente i buoni, che saranno emessi dall’associazione Buoni Vacanze Italia, e verranno recapitati al beneficiario direttamente a casa.

L’assegnazione dei buoni vacanza si basa sulla priorità cronologica di inoltro della richiesta.
SEGUI IL LINK PER VISUALIZZARE OFFERTA:
Contatto: